La testata giornalistica del Golf

Golfitaliano

Golfitaliano è una testata giornalistica, un network di professionisti legati al mondo del golf e del turismo golfistico. Offre servizi nell’ambito del marketing, comunicazione e organizzazione eventi.
Golfitaliano
Golfitaliano
GIULIO CASTAGNARA E CATERINA DON HANNO VINTO I CAMPIONATI NAZIONALI OPEN

Sul percorso del Golf Nazionale ottime prove dei giocatori dilettanti e in particolare

nel torneo femminile con la Don che ha preceduto l’altra azzurra Alessia Nobilio



Giulio Castagnara e la dilettante Caterina Don hanno vinto i Campionati Nazionali Open maschile e femminile, che si sono disputati sul percorso del Golf Nazionale (par 72) di Sutri (VT), la casa del golf italiano, eventi che hanno dato inizio alla 14ª edizione dell’Italian Pro Tour. Due tornei in cui è emersa anche la bravura di molti giocatori dilettanti azzurri e in particolare con l’ottima prestazione sia di Caterina Don che di Alessia Nobilio (seconda) nella gara femminile.



Il torneo maschile – Nel torneo maschile Castagnara, in vetta sin dal secondo giro, ha concluso con 278 (68 68 69 73, -10) colpi, gestendo con sicurezza il vantaggio che aveva accumulato. Ha potuto rallentare con un 73 (+1) che comunque gli ha permesso di lasciare a tre colpi Jacopo Vecchi Fossa, vincitore della gara nel 2018, e Andrea Saracino (281, -7). Altri due recenti past winner nelle prime posizioni, Filippo Bergamaschi (2016), quarto con 282 (-6), ed Enrico Di Nitto (2017), sesto con 284 (-4). Tra di loro Michele Ortolani, quinto con 283 (-5).

Si sono comportanti ottimamente i giocatori dilettanti dei quali ben 27 hanno superato il taglio.

Sono terminati al settimo posto con 285 (-3) Niccolò Agugiaro, portacolori del circolo ospitante che ha ottenuto il premio quale miglior amateur, Filippo Celli (Olgiata) e Gregorio De Leo (Biella), affiancati da Marco Bernardini, figlio d’arte, altro past winner, ma meno recente, a segno nel lontano 2008, trentatre anni dopo l’ultimo dei quattro successi di suo padre Roberto (1975). Ha ceduto l’altro dilettante Pietro Bovari (Ambrosiano), secondo a quattro colpi da Castagnara e sceso in 15ª posizione con 287 (-1) e in 41ª Matteo Manassero con 294 (+6).

Al vincitore (fratello del dilettante Alberto, secondo ai recenti Campionati Assoluti Match Play), è andato un assegno di 7.250 euro su un montepremi di 50.000 euro



La gara femminile – Caterina Don, 19 anni compiuti, portacolori del GC La Margherita, si è imposta con 141 (69 72, -3) colpi dopo una corsa di testa e al termine di un serrato duello nel turno conclusivo con l’altra azzurra Alessia Nobilio (142, -2), 19 anni da compiere, milanese tesserata per il GC Ambrosiano, entrambe tra le colonne portanti della squadra femminile azzurra e con numerose vittorie in Italia e all’estero. Per la Don è stata anche una sorta di rivincita perché era stata superata dall’avversaria nel recenti Assoluti medal.

Hanno dovuto alzare bandiera bianca le proettes a iniziare da Stefania Croce, terza con 145 (+1), che tuttavia ha ricevuto l’assegno di 2.000 euro di prima moneta su 10.000 euro di montepremi, spettando alla vincitrice solo il trofeo per il suo status.

A seguire Lucrezia Colombotto Rosso, quarta con 147 (+3), e le due uniche atlete azzurre che hanno disputato la Solheim Cup, Giulia Sergas e Diana Luna, che difendeva il titolo, quinte con 148 (+4). Due colpi in più per Stefania Avanzo, settima con 150 (+6).



La premiazione – Festeggiati i vincitori nel corso della cerimonia di premiazione alla quale sono intervenuti l’on. Vittorio Sbarbi, Sindaco di Sutri, Andrea Pischiutta, Consigliere Federale, e Alessandro Rogato, Direttore Tecnico delle squadre Nazionali.



Gli sponsor – L’Italian Pro Tour ha il supporto di DS Automobiles (Main Partner); Kappa (Official Technical Sponsor); Harmont & Blaine (Official Formalwear); Corriere dello Sport, Il Giornale, Tuttosport (Media Partner). Official Advisor: Infront.



Due “Buche in Uno” nel campionato maschile – Mattia Bergamaschi, 34enne bresciano, nessuna parentela con Filippo Bergamaschi, ha realizzato una “hole in one” nel corso del quarto giro (parziale di 74, +2) centrando direttamente dal tee la buca 9, par 3 di 144 metri, utilizzando un ferro 9. Ha concluso al 67° posto con 309 (+21). E’ stato il secondo ace del torneo dopo quello del dilettante Massimiliano Campigli (30° con 291, +3) siglato alla stessa buca, nel secondo turno, con un wedge. Anche lui nell’occasione ha chiuso in 74 colpi.



Italian Pro Tour – Con i Campionati Nazionali Open, come detto, è scattata la 14ª edizione dell’Italian Pro Tour. Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, in programma per la prima volta in Italia nel 2023 al Marco Simone Golf & Country Club di Roma, l’Italian Pro Tour – con la collaborazione di Infront, Official Advisor della FIG – vede in azione i protagonisti del golf nazionale e internazionale in un circuito di gare della FIG che coinvolge tutta la nazione da nord a sud.



Le emozioni dell’Italian Pro Tour in onda su Sky – Nelle settimane successive ai Campionati Nazionali Open gli highlights del torneo e le interviste ai protagonisti andranno in onda su Sky. Primo appuntamento il 14 agosto alle ore 13 su Sky Sport Arena. Il magazine televisivo “Italian Pro Tour” accompagnerà tutte le gare del circuito con una programmazione dedicata che accrescerà il prestigio degli eventi e contribuirà a dare ulteriore impulso allo sviluppo del golf in Italia.



Golf Nazionale, la Coverciano del green – Dotato di una struttura tecnica all’avanguardia e di un percorso di ottima caratura, che ha impegnato severamente i concorrenti i quali peraltro hanno avuto parole di elogio, il Golf Nazionale ospita anche il Centro Tecnico Federale, base operativa per tutte le figure professionali legate alla disciplina. Una ulteriore testimonianza di come la crescita di tutti i settori del movimento, non solo di quello sportivo, sia uno degli obiettivi prioritari del Progetto Ryder Cup. Negli anni il circolo di Sutri, alle porte di Roma, ha ospitato eventi clou come la World Cup (1991), il Campionato Europeo Dilettanti (1992) e tante altre competizioni di rilievo.
Foto bellicini
Golfitaliano
Golfitaliano
ITALIAN PRO TOUR: AL VIA IL CAMPIONATO NAZIONALE OPEN MASCHILE

Al Golf Nazionale la Pro Am d’apertura è stata vinta dalla squadra di Edoardo Raffaele Lipparelli

Prende il via sul percorso del Golf Nazionale di Sutri (VT), la casa del golf italiano, la 14ª edizione dell’Italian Pro Tour, il circuito di gare nazionali e internazionali della FIG, con un doppio evento dove saranno impegnati molti tra i migliori giocatori azzurri: l’81° Campionato Nazionale Open maschile (29 luglio -1 agosto), il più longevo torneo italiano, che sarà seguito dal Campionato Nazionale Open femminile (31 luglio-1 agosto), giunto alla sua seconda edizione. Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, che si disputerà per la prima volta in Italia nel 2023 al Marco Simone Golf & Country Club di Roma, l’Italian Pro Tour – con la collaborazione di Infront, Official Advisor della FIG – vedrà in azione i protagonisti del golf nazionale e internazionale in un circuito di gare che coinvolgerà tutta la nazione da nord a sud.

La Pro Am – La settimana golfistica si è aperta con la Pro Am vinta con -28 dal team di Edoardo Raffaele Lipparelli insieme ad Aldo Cori, Roberta Concina, Andrea Perrone. In seconda posizione (con lo stesso punteggio complessivo, ma con uno score inferiore nelle seconde nove buche) la squadra guidata da Giulio Castagnara con Franca D’Aleo, Stefania Chiari e Daniela Bicchieri. Al terzo posto con -22 il quartetto capitanato da Michele Cea con Mario Venturini, Giorgio Baiocchi e Gabriele Gugnali. Quarta posizione con -19 per la squadra del pro Federico Maccario, che è sceso in campo con Simone Pepe (ex calciatore della Juventus), Filippo Di Felice e Stefano Tiberio. Al quinto posto con -19 il team di Enrico Di Nitto insieme ai due “Giocatori di Interesse Nazionale Paralimpici” Edoardo Biagi (Coordinatore del Settore Paralimpico FIG), Cristiano Berlanda e al dilettante Carlo Crisciotti. Si è giocato sulla distanza di 18 buche con formula “Tour Scramble – net aggregate team score in relation to par” -“Use your pro” e per la classifica sono stati conteggiati solamente birdie, eagle ed albatross.

Tanti pretendenti per un titolo prestigioso – L’albo d’oro del Campionato Nazionale Open è stato firmato praticamente da tutti i giocatori che hanno scritto brani importanti della storia golfistica italiana e forse non è un caso che Renato Paratore, trionfatore domenica scorsa nel British Masters, abbia iniziato la sua carriera da pro proprio con un successo in questo torneo al San Domenico Golf nel 2014. Tra i possibili protagonisti Matteo Manassero, che ai primi di luglio è tornato a vincere proprio al Golf Nazionale il “Warm Up Contest” e recenti past winner quali Jacopo Vecchi Fossa (2018), Enrico Di Nitto (2017) e Filippo Bergamaschi (2016). Senza dimenticare Edoardo Raffaele Lipparelli, dominatore dell’Alps Tour 2019, Aron Zemmer, Federico Maccario, Cristiano Terragni, Luca Cianchetti, Philip Geerts, Michele Ortolani, Giulio Castagnara, e Carlo Casalegno. Al via anche Marco Bernardini, che si impose nel 2008, trentatre anni dopo l’ultimo dei quattro successi di suo padre Roberto (1975). La doppia vittoria è riuscita anche in altre tre famiglie: Grappasonni (il padre Ugo e il figlio Silvio), Canessa (Emanuele e Andrea) e Bolognesi (Ovidio ed Emanuele). Nutrito il gruppo dei dilettanti tra i quali citiamo Giovanni Manzoni, vincitore quest’anno nei College USA, Andrea Romano, Pietro Bovari, Jacopo Albertoni e Niccolò Agugiaro, che gioca in casa. Nel successivo campionato femminile saranno di scena, tra le altre, Diana Luna, che difende il titolo, Lucrezia Colombotto Rosso, Stefania Avanzo insieme a Giulia Sergas, Veronica Zorzi e a Stefania Croce.

Gli sponsor – L’Italian Pro Tour ha il supporto di DS Automobiles (Main Sponsor); Kappa (Official Sponsor); Harmont & Blaine (Official Formalwear); Corriere dello Sport, Il Giornale, Tuttosport (Media Partner). Official Advisor: Infront.

Le formule di gara – Il campionato maschile si svolgerà sulla distanza di 72 buche con taglio dopo 36 che lascerà in gara i primi 40 professionisti classificati, più i pari merito al 40° posto, e i dilettanti il cui punteggio non sarà superiore a quello del 40° pro classificato. In palio un montepremi complessivo di 50.000 euro. Quello femminile si disputerà su 36 buche con montepremi di 10.000 euro. Si giocherà a porte chiuse e tutti i partecipanti e gli addetti ai lavori rispetteranno le disposizioni di sicurezza previste dal protocollo federale
Golfitaliano
Golfitaliano
Renato go!!!
Golfitaliano
Golfitaliano
Che ne pensate?
Golfitaliano
Golfitaliano
Questione di ore e sarà ufficiale il rinvio. Impossibile pensare alla Ryder Cup 2020 negli Usa senza pubblico vista la situazione sanitaria. E Roma 2022…
Golfitaliano
Golfitaliano
PGA TOUR: PRODEZZE DI MACKENZIE HUGHES, MA MCILROY È A RIDOSSO

Nel Travelers Championship buon passo di Mickelson e Garcia e “buca in uno” di Abraham Ancers

Il canadese Mackenzie Hughes, leader con 60 (-10) colpi, è stato il protagonista del giro d’apertura nel Travelers Championship, terzo torneo del PGA Tour ripreso dopo lo stop per l’emergenza sanitaria.

Sul percorso del TPC River Highlands (par 70), a Cromwell nel Connecticut, sono saliti al proscenio anche alcuni big quali Rory McIlroy, numero 1 mondiale, e Xander Schauffele, numero dieci, al secondo posto con 63 (-7) insieme all’emergente Viktor Hovland. E hanno tenuto un buon passo anche Phil Mickelson e Sergio Garcia, quinti con 64 (-6) in compagnia di altri quattro concorrenti, Bryson DeChambeau, undicesimo con 65 (-5), Jon Rahm e Patrick Cantlay, 17. con 66 (-4), con quest’ultimo alla prima gara dopo il fermo, il quale detiene il primato su un turno per un dilettante su questo percorso con un 60 (-10) realizzato nel 2011.

“Buca in uno” di Ancer – Tra le prodezze della giornata la “hole in one” di Abraham Ancer, che ha centrato direttamente dal tee la buca 16 (par 3, yards 155) utilizzando un ferro otto. All’ace ha aggiunto tre birdie e due bogey che hanno fatto 33° posto con 67 (-3) colpi alla pari con Justin Rose e Jordan Spieth.

Thomas in difficoltà – Rivedibili Dustin Johnson, Bubba Watson, tre volte a segno nel torneo, e Jim Furyk, che nel 2016 stabilì lo score più basso in assoluto del circuito con uno straordinario 58 (-12), 79.i con 69 (-1), e note negative per Chez Reavie, che difende il titolo, e per Patrick Reed, 107.i con 70 (par), e soprattutto per Justin Thomas, numero tre del world ranking, 126° con 71 (+1), che dopo due top ten consecutive ora rischia il taglio.

Mackenzie Hughes, 29enne di Dundas (Ontario), ha messo insieme dieci birdie senza bogey e ha la cabala in suo favore, perché ha trasformato in un successo una delle quattro occasioni in cui si è trovato in vetta dopo un giro (RSM Classic, 2016, unico titolo). Da ricordare la vigilia dell’evento in cui sono stati registrati tre casi di coronavirus, colpiti Cameron Champ e due caddie, e il ritiro di Brooks Koepka, del fratello Chase, di Webb Simpson e di Graeme McDowell che hanno deciso tale linea per motivi prudenziali. Il montepremi è di 7.400.000 dollari.

Diretta su GOLFTV – Il Travelers Championship viene trasmesso in diretta da GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it). Seconda giornata: venerdì 26 giugno, dalle ore 21 alle ore 24.

Il primo portale giornalistico dedicato al golf

16

16 anni di golfitaliano cup

20

20 anni di esperienza dello staff nel settore comunicazione e turismo

Su di Noi

Golfitaliano è una testata giornalistica di Emmevi s.r.l, un network di professionisti legati al mondo del golf e del turismo golfistico. Offre servizi nell’ambito del marketing, comunicazione e organizzazione eventi.

Senza dubbio, il sommo piacere del golf è che sul fairway, lontani da tutte le pressioni dei rapporti sociali e della razionalità, ci si può sentire immortali per qualche ora."

Colman McCarthy

Contattaci

Contattaci per avere maggiori informazioni

Condividi!